Scegliere il manichino più adatto per il proprio punto vendita

Stimolare e invogliare i consumatori all’acquisto, nel mondo del commercio di oggi – sempre più rapido e multicanale – non è affatto semplice.

Nulla può essere lasciato al caso: ogni aspetto del punto vendita deve essere curato nei minimi dettagli.  Anche la scelta del manichino: un elemento che apparentemente può essere considerato di marginale importanza, gioca invece un ruolo fondamentale per catturare l’attenzione dei clienti e rendere appealing e comunicativa la vetrina.

Il manichino, infatti, permette di raccontare delle storie ben precise in vetrina, di valorizzare il prodotto, di comunicare i valori di marca, di presidiare momenti specifici dell’anno – come eventi e ricorrenze – e di stimolare l’immaginazione del cliente e spingerlo all’acquisto.

vetrofania8
Modelli di manichino: un’ampia scelta per ogni necessità
Che siano realistici, astratti, senza testa o modulari, i manichini sono considerati quindi tra gli strumenti più efficaci da utilizzare nel visual merchandising. Strumenti di marketing e comunicazione ideali per dare un tocco di personalità ai propri allestimenti e per lanciare precisi messaggi verso chi guarda e decodifica le immagini del window display.

Il manichino realistico, ad esempio, risponde al meglio alle necessità di chi desidera rendere la propria vetrina fedele alla realtà. Perfetto per valorizzare il prodotto e mettere in luce tessuti e vestibilità, questo modello ricalca alla perfezione le forme del viso e del corpo umano. Spesso impreziositi da make-up e parrucche, i manichini realistici sembrano persone in carne ed ossa, e suscitano nei consumatori una naturale voglia di “assomigliare a loro” nel total look, attivando un potente meccanismo di immedesimazione e rendendo ancor più desiderabile il capo in vendita.

manichino realistico

Ci sono poi i manichini astratti, fortemente legati a suggestioni artistiche. Le forme del corpo sono irregolari, i tratti sono abbozzati e non definiti, non ci sono dettagli fisionomici particolari. Chi sceglie questo tipo di manichini per arricchire la scenografia della propria vetrina, desidera massimizzare la componente di design degli allestimenti e posizionarsi come un punto vendita all’avanguardia. Nel visual merchandising, l’utilizzo dei manichini astratti può essere una variabile rilevante per regalare a tutta la vetrina, e trasferire al prodotto esposto, una connotazione elegante e innovativa. Una scelta non solo di stile, ma anche di praticità: i manichini astratti, infatti, non avendo tratti riconoscibili e legati alle mode, possono essere utilizzati nel tempo come elementi continuativi dell’allestimento del window display del proprio negozio, ottimizzando i costi.
manichini astratti

Chi desidera rispondere a particolari esigenze di allestimenti – di spazio o di immagine – può affidarsi ai manichini senza testa o modulari. I primi sono perfetti per chi deve realizzare window display in ambienti di dimensioni contenute; i secondi, invece, diventano ottimi alleati per chi vuole ottenere posizioni particolari e insolite: per i punti vendita più innovativi, per chi espone prodotti sportivi – dove il movimento è l’essenza del capo esposto – o per presidiare momenti specifici dell’anno, i manichini modulari consentono di ricreare storie ad hoc.

In ultimo, i negozi caratterizzati da un posizionamento artigianale e legato alla tradizione, o che offrono un prodotto di altissima qualità handmade, possono puntare su manichini sartoriali, regolabili e smart: perfetti per modellare il capo alla perfezione e trasferire un senso di autenticità.

Come organizzare i manichini all’interno del window display?
E per un allestimento perfetto del window display ecco qualche ultimo suggerimento di visual merchandising.
Prima regola, coerenza: evitate di esporre in vetrina manichini di diverso stile. Che sia realistico, astratto o modulare definite un unico modello di manichino, per dare un’impronta chiara al vostro punto vendita e al window display.

scegliere il manichino

In secondo luogo, ricordatevi di dare movimento alla vetrina, ruotando frequentemente i capi e gli outfit tra i manichini esposti, e curando i volumi e le proporzioni degli allestimenti: utilizzate pedane ed altri supporti verticali su cui poggiare alcuni manichini, per dare dinamismo al window display ed evitare un effetto flat, e utilizzate i manichini seduti per dividere idealmente la vetrina in più sezioni.

Infine, prestate attenzione al materiale più adatto per il manichino: dal polipropilene, perfetto per chi desidera utilizzare strumenti economici ma al tempo stesso molto resistenti, al vetroresina, più fragile ma molto accattivante, fino al poliuretano e al polietilene, in grado di abbinare un buon livello di resistenza ad una notevole qualità nella definizione del dettaglio, non c’è che l’imbarazzo della scelta.