SANREMO 2018: LE VETRINE D’AUTORE DA SPINNAKER CANTANO!

Sanremo 2018, celebra anche quest’anno i talenti della musica italiana. Ed ecco sbocciare come fiori i campioni del palcoscenico, con canzoni che ci faranno ballare questa estate o innamorare in primavera.

Ma Sanremo 2018 non è solo audience televisiva, ma anche creatività. L’arte, in tutte le sue forme, prende vita arrivando a ispirare perfino le vetrine dei negozi.

Per tutta la settimana del Festival, la famosa Boutique Spinnaker, in Via Matteotti 141, contribuirà ai festeggiamenti, rendendo omaggio ad un celebre disegnatore e illustratore di tanti dischi dei big storici dei partecipanti di Sanremo.

Stiamo parlando di Guido Crepax, con il suo Vetrine d’autore.

spinnaker1

Foto di VF

Le vetrine del Best Shop verranno allestite con tutte le copertine discografiche realizzate dall’artista durante la sua storia, in collaborazione con la Camera Italiana Buyer Moda – The Best Shop.

Come ogni iniziativa artistica che si rispetti, la Camera Italiana Buyer Moda e Crepax vogliono rendere omaggio a Sanremo 2018, ma soprattutto alla cultura italiana.

“Credo che la capacità di selezionare il bello che abbiamo noi italiani non abbia uguali nel mondo e che portare l’italian style nelle vetrine di boutique prestigiose, nonché il talento di un artista come Guido Crepax sia un grande privilegio per la nostra associazione”. Ha dichiarato Claudio Betti, proprietario della Boutique Spinnaker.

Sanremo 2018 non è solo un’occasione unica per far entrare in casa degli italiani la buona musica, ma anche l’arte e lo stile.

Il Presidente della Camera italiana Buyer Moda, Mario Dell’Oglio, spera in Sanremo 2018 come un punto di partenza del progetto Vetrine d’autore: riproporre l’allestimento delle vetrine dei Best Shop anche in altre città italiane in occasione di eventi nazionali e internazionali.

Ovviamente al progetto non sono rimasti indifferenti anche altri fashion store come: Franz Kraler di Cortina D’Ampezzo, L’Inde Le Palais di Bologna, Coltorti di Ancona, Biffi di Milano, Tessabit di Como, Penelope di Brescia, Bernardelli di Mantova, Parisi di Taormina e RussoCapri.

Sanremo 2018 vediamolo non solo come un “festival”, ma anche come un’occasione. Quella di ricordare al popolo italiano, che la tradizione è importante. Ma è altrettanto fondamentale, l’innovazione.

Per questo le iniziative di questo genere vanno messe in evidenza: tradizione e modernità sono le parole chiave per un passo verso qualcosa di bello: il futuro.

di Francesca Giannunzio