IL VISUAL MERCHANDISING NEL SETTORE CALZATURE

IL VISUAL MERCHANDISING NEL SETTORE CALZATURE

Le scarpe per molti, soprattutto per le donne, sono un articolo di culto ma spesso anche una vera e propria mania.

Anche in questo settore l’arredo è una tra le cose più importanti dell’attività, subito dopo la qualità del prodotto.

Il compito del Visual Merchandiser, nel settore calzature, diventa complicato dal punto di vista organizzativo, in quanto, a differenza di un prodotto grande che di per sé fa scena, le scarpe rappresentano un prodotto esile che necessita di un contorno di arredamento molto più deciso, in grado di consentire la messa in risalto agli occhi della clientela.

Non esistono in questo settore degli arredi specifici, tutto dipende dal tipo di calzatura che si vuole vendere.

Molto spesso le vetrine dei negozi di scarpe si presentano con esposizioni monotone e lineari, anche a causa della tipologia di prodotto, che, apparentemente, poco si presta a soluzioni fantasiose.

A questo punto entra in campo il ruolo fondamentale del Visual, la creatività, la fantasia, la persuasione.

ITALIAN ACADEMY OF VISUAL MERCHANDISING

Tra le varie tecniche di esposizione una delle più efficaci dal punto di vista della persuasione, è quella che utilizza i manichini all’interno della vetrina. L’utilizzo di parti del manichino, inusuali per l’esposizione di scarpe (gambe, mani, o addirittura la testa), crea un allestimento sicuramente di grande impatto visivo, in grado di attirare i clienti. Ripetizioni, pose, colori sgargianti, frame realizzati con cornici, tutto ciò serve a rendere le vetrine di un negozio di scarpe delle esperienze di visualizzazione uniche.

Anche i colori sono un ottimo mezzo per provocare, far provare ed evocare una varietà di emozioni, eventi, sentimenti e sensazioni che stimolano e suscitano inconsapevolmente stimoli fisici e psicologici che porta ad un’azione.

Il Visual Merchandising necessita di uno studio sull’effetto che i colori producono nello spazio in cui vengono inseriti e negli stati d’animo degli individui che interagiscono con tali ambienti.

I colori entrano inevitabilmente in relazione con il contesto, con i materiali e con il tipo di arredamento, con il logo, con l’insegna e con tutto ciò che concerne lo stile. Tutto fa parte dell’immagine del punto vendita.

Una scelta corretta del colore è un mezzo per ottimizzare la percezione dello spazio. Generalmente i colori chiari fanno sembrare le camere più ampie e luminose, mentre i colori scuri le fanno sembrare più piccole e rendono l’atmosfera più intima.

A Dubai il negozio di scarpe pi√π grande del mondo Level Shoe District

Dubai – Negozio di scarpe più grande del mondo Level Shoe District

 

Di solito per un negozio di calzature, il Visual utilizza mobili e pareti che abbiano più o meno le stesse tonalità di colore, proprio perchè in questo settore si deve in ogni modo, far risaltare le calzature e non l’arredamento.

I Visual non si occupano solo delle vetrine ma anche dell’organizzazione interna del negozio; la capacità lavorativa del Visual Merchandising si misura sul grado di persuasione e di attrazione del cliente del punto vendita. Oggi tutto deve essere a portata di mano, pronto per essere visto e scelto anche senza l’aiuto di un commesso.

lanvin-3

LANVIN – Vetrina originale e spiritosa per la vendita delle scarpe e accessori

 

NADIRA CALZATURE Bologna Store

NADIRA CALZATURE – Bologna Store

Sabrina Carlino